mercoledì 2 marzo 2011

Comunicato stampa. La libertà di stampa in Italia: cassata dai magistrati. Legno storto

Scritto da Redazione
giovedì 27 gennaio 2011

La graduatoria della libertà di stampa nel mondo, redatta da Reporters Sans Frontieres, ha rivelato che l'Italia nel 2009 si è classificata al 49° posto su 175 Paesi. Nel 2008 era al 44° e nel 2007 era al 35°. Secondo gli analisti dell'organizzazione internazionale francese i motivi sono principalmente due: la mafia e il conflitto di interessi del premier Silvio Berlusconi.

Non è affatto così. Un esempio lampante e attuale è Legno Storto ,la nostra libera testata giornalistica basata sul volontariato, che essendo vicina alle idee liberali e liberiste del premier Silvio Berlusconi, rischia di essere chiusa grazie al magistrato dr.Piercamillo Davigo che ci accusa di averlo diffamato chiedendo 100.000 Euro di risarcimento.

La guerra tra i pm e Berlusconi è ormai alle battute finali con lo sputtanamento a puntate, come dice oggi Belpietro su Libero, sia del Cav. che di quelli, come noi, che sostengono la sua linea politica e il suo "modus operandi".

Siamo fermamente convinti,anche alla luce della grave situazione economica e sociale internazionale (vedi Tunisia, Egitto,etc) che sia solo Berlusconi, con tutte le debolezze umane che possa avere, il politico che può salvare il nostro Paese dal baratro economico che ci attende nei prossimi anni.

Berlusconi, il "self made man" che lavora 20 ore al giorno, a differenza di tanti inutili politici, che ha puntato sul nuovo come la televisione, il massiccio intervento delle donne, in alcuni casi, vedi Carfagna, lodate anche dall'opposizione al governo, va eliminato fisicamente (lui e tutto ciò che gli sta vicino, tipo LS ) perché rappresenta, secondo la sinistra nemica della crescita, l'esempio da non seguire.

Ieri abbiamo pubblicato un articolo di elogio di Diego della Valle che, pur essendo lontano dalle nostre idee politiche, con 25 milioni di Euro salverà il Colosseo.

Rivolgiamo pertanto un pubblico appello a tutti coloro che, come noi, ritengono la libertà un bene supremo della democrazia al quale non si può rinunciare, affinché LS possa continuare la sua attività di libera informazione e commento della vita politica italiana.

Ora, o mai più, LS va sostenuto economicamente per evitare che una voce libera del web venga cassata brutalmente dallo strapotere irresponsabile di parte della magistratura italiana.

Chiediamo pertanto ai nostri affezionati lettori:

a- diffondere il più possibile la notizia

b- sostenere LS economicamente, ciascuno per le proprie possibilità, affinché non si finisca travolti dall'arroganza e dal potere "irresponsabile" di certa magistratura italiana.

Grazie in anticipo

Il Legno Storto

1 commento:

suhotone ha detto...

I don’t bookmark sites but i will bookmark this! LOL!

online pharmacy